lunedì 21 novembre 2011

Una Puttana in crisi economica



Ho colto il consiglio della cara Bella e mi son scaricata le 4 serie del telefilm "Diario di una squillo per bene" ed ho fatto di più, me le son sparate tutte e quattro.
Devo dire che è un telefilm davvero simpatico e spesso racconta qualche cosa di vero sul nostro mondo, anche se credo che molte differenze dipendano più dalla cultura e nazionalità differente che da un vero e proprio distacco con la realtà di questo lavoro.

Davvero bello, grazie :)

Se ho avuto il tempo di guardarmi 4 stagioni di un telefilm in una settimana è perchè, molto semplicemente, sto avendo un calo professionale non indifferente.
Da un lato ci sono io che sono più svogliata che mai, sarà il freddo o il periodo poco costruttivo.
Dall'altro ci sono i clienti che svaniscono come per magia nel nulla, lasciandomi in balia di grosse preoccupazioni economiche e di conseguente forte depressione.
Sabato ho avuto il primo appuntamento dopo 7 giorni.
SETTE GIORNI!
Nemmeno me ne fossi partita per un'isola deserta avrei rinunciato agli introiti di sette giorni di lavoro.

Eppure è come se la crisi si fosse abbattuta sulle tasche dei clienti o, più tragicamente, si sono stancati tutti insieme di me.
La cosa sconvolgente è che io mi sono costruita il mio piccolo menage di clienti fissi con tanta fatica.
Sono cinque.
E state pur certe che ogni settimana almeno 3 di loro hanno l'insaziabile bisogno di vedermi.
Possibile mai che tutti insieme 4 di loro si siano dimenticati di me?
Sono forse tutti partiti per le hawaii?

Non capisco, sono un po' confusa.
Per come son fatta non azzarderei mai un contatto da parte mia, ma mi piacerebbe sapere cosa dovrei fare ora.
Se questi 4 decidessero dopo tanto tempo che si son tutti stancati, non mi rimangono che gli occasionali clienti, e io odio gli occasionali perchè non c'è mai quel feeling che ho con i miei fantastici 5.

Sto iniziando a pensare che dovrei metter sù un annuncio, ma non so bene dove potrei metterlo perchè i siti di riferimento sono zeppi di fake che buttan lì due foto di Megan Fox col volto coperto e si spacciano per splendide escort di lusso.

E poi come dovrei scremare i contatti? Da una semplice e-mail dovrei comprendere l'affidabilità di un cliente?
Andare avanti per passa parola m'è sempre servito per questo, aiuta a star più tranquille e a lasciarsi andare più facilmente.

Basta, devo agire, devo fare qualcosa o qui ci si ritrova con rate e affitto da pagare e niente più entrate, e lì si che son cavoli amari!

Vado a cercare qualche sito decente e, se avete consigli, sono qui :)
Buona settimana a tutti!
Giorgia.

6 commenti:

pincocarla ha detto...

Hai ragione , Giorgia : constato anch'io che la " Crisi " colpisce un po' tutti & tutto , purtroppo !!
Abbi pazienza , presto appariranno segnali di " ripresa " , perlomeno nel ns " settore " ..
Non mi considero una " Guru-delle-Escort " , sono solo una piccola " operatrice " dall'esperienza limitata !!
Quindi mi guardo bene dal consigliarti sul metodo per " trovare nuovi clienti " .
Ti dico solo che per me i " Sites " non funzionerebbero .
Per me é fondamentale potersi " fidare " di chi accompagno , e se non posso " selezionare " chi risponde ad un annuncio , vado in paranoie ... ;-S
UN BAACIO !!!

Chiara di Notte - Klára ha detto...

se avete consigli, sono qui

Parto da questa frase per poi, successivamente, parlare anche del problema che tu esponi e cioe' il "calo del lavoro".
Allora, innanzi tutto, in Italia, dare consigli a chi esercita la prostituzione e' davvero un terreno pericoloso, in quanto si potrebbe cadere nell'accusa di favoreggiamento.
Sono molte le ragazze che, leggendo il mio blog, mi scrivono poi privatamente per chiedere consigli su come fare per iniziare la professione di escort oppure incrementare il giro d'affari. Consigli che io, ovviamente, non posso dare.
Per cui, cara G, anche se volessi darti qualche consiglio, non potrei poiche' la legge italiana me lo impedisce.
Passiamo dunque all'argomento principale: come la crisi economica si riflette nel lavoro di una professionista del sesso. E' ovvio che se la fascia di clientela che si ha e' quella che appartiene al 10% che possiede il 48% della ricchezza nazionale - quindi i superricchi - il lavoro ne risente poco. Fra bunga bunga, cene ad Arcore o similari, fatte con politici, banchieri e appartenenti alla classe iper agiata, la "ruby" di turno non ha modo di risentire della crisi economica. Certa gente non si fara' mai mancare Ferrari, yacht, caviale e champagne.
Ma sono poche quelle che hanno accesso a quel mondo e quasi tutte provengono dal sottobosco dello spettacolo o della moda (attricette, veline, modelle)
Se, invece, la professionista si rivolge alla cosiddetta "classe media", in tal caso in periodi come quelli che adesso sta attraversando l'Italia, ci sono seri problemi. Di solito, i clienti sono imprenditori, professionisti, commercianti, impiegati di livello elevato che, seppur non ricchissimi, quando le cose vanno bene ogni tanto si possono permettere una qualche "distrazione". Ma quando l'economia va a rotoli, i btp valgono sempre di meno, le tasse aumentano, i clenti anche per loro diminuiscono, e' chiaro che prima di andare con una prostituta e spenderci qualche centinaio (o migliaio) di euro ci pensano non una ma tre volte. Ed alla fine, dopo averci pensato ben bene, rinunciano oppure decidono di rallentare. Puo' accadere dunque che, se prima vedevi un cliente 4 volte al mese, adesso ti ritrovi a vederlo solo 2.
Il sesso a pagamento (perche' di sesso si tratta e non di amore), e' un vizio come un altro. Se hanno i soldi per poterselo permettere ok, altrimenti devono rinunciarvi. Perche' a differenza di chi offre altri generi di vizio - come ad esempio il gioco - una puttana non fa credito.
Quindi, cara amica, preparati ad una fase di ristrettezza. A meno che tu non ti trovi un pollo che si innamora e che ti mantiene di tutto punto, ma cio' lo potresti fare solo se tu non avessi altri legami sentimentali.
Le crisi economiche sono quei periodi in cui conviene andare in letargo anche dal punto di vista dei consumi. Pertanto cerca di non esporti troppo con le spese perche' gli introiti potrebbero cessare da un momento all'altro e senza preavviso. La recessione in Italia, se gia' non e' iniziata, e' certamente dietro l'angolo e cio' potrebbe durare anche 2-3 anni.

Anonimo ha detto...

SONO UN'ESPERTA DEL SETTORE! ;-)
SE HAI UNA MAIL PRIVATA DI TO QUALCHE DRITTA! COMUNQUE CAPITA CHE PER QUALCHE ARCANO MISTERO I CLIENTI SPARISCONO... QUESTO LAVORO NON è MAI STATICO...
SONO CONTENTA CHE TI SIA VISTA LA SERIE, e' FANTASTICA, NON SAI QUANTE VOLTE L'HO VISTA E RIVISTA, QUANDO ERO GIU' E NESSUNO MI TELEFONAVA, PORTA FORTUNA. GURDATI UNA PUNTATA TUTTE LE VOLTE CHE IL TELEFONO FA FATICA A SQUILLARE.
BACI :-)

Il Rompibloglioni ha detto...

Crisi... Se anche il settore è in crisi, vuol dire che siamo veramente nella cacca...
Non posso aiutarti in nulla...
Posso mandarti solo un abbraccio forte forte, non servirà a un gran che, ma è sincero...
Baci.

Anonimo ha detto...

Mamma mia Chiara... il quadro è nero! Così G. la fai preoccupare!

"L'OTTIMISMO E' IL PRFUMO DELLA VITA!" diceva quel vecchio lì..come si chiamava...????

Sweet G. ha detto...

@PincoCarla: eheh, mi conforti, per lo meno non sono l'unica che si fa tanti scrupoli e si crea tanti piccoli angioletti sulla spalla che urlano "attentaaaaaaa!!!" ehehehe

@Chiara: ovviamente non chiedevo consigli specifici, non istigherei nessuno a istigare ;) eheh
Diciamo che i miei clienti sono per lo più imprenditori o comunque liberi professionisti.
La cosa paradossale è che mi regalano un'idea alquanto chiara della situazione economica perchè il cliente che sembra non risentire minimamente della crisi è l'unico che fa l'avvocato per clienti internazionali. Gli altri hanno la maggior parte dei loro interessi economici concentrati in italia e, infatti, mi spariscono.
Che poi, ad esser del tutto sinceri, in fondo spero che tutto sia dovuto alla crisi e non al fatto (plausibilissimo) che si siano stancati di me!
Magari spendono i loro soldi con altre ragazze e io voglio solo aggrapparmi a delle scuse per non pensare a questa eventualità :)
Il pollo da spennare ce l'ho sempre avuto pronto ma, al momento in cui avevo deciso di buttarmi mi son resa conto che nella vita privata sono più una pezzente stile "due cuori e una capanna" che una iena assatanata di soldi, quindi credo che in caso di prolungata ristrettezza economica continuerò a guadagnare il mio dignitoso stipendio da dipendente e arrotonderò insegnando inglese ad ore ai ragazzini delle scuole medie o facendo la hostess nei congressi il weekend, piuttosto che abbassarmi a stare con qualcuno fingendo un sentimento che non provo.
Le spese purtroppo fanno parte del quotidiano e non riguardano i lussi ma gli obblighi, dunque in un modo o nell'altro van pagate, ma sono convinta che la mia natura di formichina mi aiuterà come ha sempre fatto, quindi continuo sulla mia strada, rimando l'acquisto della macchina nuova a tempi migliori e spero che tutto si sistemi!!

@Bella: ahahah, davvero, l'ottimismo è miracoloso, speriamo non ci manchi mai! La serie è davvero davvero bella, ho acquistato il libro online ieri, aspetto che mi arrivi per divorarmelo, speriamo portino fortuna come dici tu!
Ora ti mando un'e-mail così magari mi consigli qualche sito più o meno affidabile, vorrei evitare di finire in una vetrina poco rispettabile :)

@Il Rompibloglioni: caro, non hai idea di quanto un abbraccio sincero (seppur virtuale) valga per me! Ti ringrazio davvero, del resto sono questi piccoli segnali di conforto che aiutano a meglio apprezzare ogni grande problema della vita e, per quanto la crisi economica per me sia un fattore ben poco rilevante per la mia felicità, quella vera, è sempre splendido vedere che c'è qualcuno pronto a sostenerti emotivamente quando sei giù!

Un abbraccio forte a tutti, siete splendidi come nessuno!!!