lunedì 19 dicembre 2011

Ritorno alla realtà

Ho passato settimane stranissime...
Tutto è iniziato con una brutta influenza, di quelle con la febbre alta, dolori alle ossa e vertigini continue.
Non ne avevo da anni così!

Sono accaduti una serie di eventi che forse il destino mi ha obbligata a vivere, eventi di ordinaria e straordinaria follia che mi hanno portata lontana quasi miglia dal mio così detto "secondo lavoro", dovendomi concentrare sui problemi che si sono imposti prepotentemente nella mia quotidianità.
Così la quasi assenza di cliente non l'ho quasi patita, con la testa che cercava di metter a posto il puzzle della soluzione.

E' pieno di persone strane, questo mondo; abitato da individui irrazionali che mettono a dura prova le nostre sicurezze e tutti quei pilastri di certezze che hanno formato il nostro carattere.
Capita che ti comporti nel modo più corretto possibile, con la massima professionalità, e d'improvviso qualcuno che soffre gravi invidie nei tuoi confronti stravolge ogni tua visione regalandoti giornate d'inferno grazie ad un suo ben architettato piano per screditarti.
E' così riesce ad insinuare in chiunque conti qualcosa, il dubbio insistente che tu sia poco onesta, e sta a te e alla tua maturità riuscire a risolvere questi dubbi con la massima cautela, camminando sulle uova e fortificando il tuo castello di credibilità e fiducia che ti eri costruita con tanta fatica.

Bisogna esser forti in ogni situazione, ma ancor più forti quando si è oggetto di invidia.

Ho sempre rispettato le leggi e le regole, alla lettera, studiandomele a mena dito per evitare di sbagliare.
E stavolta me la sono scampata così, grazie al mio perfetto allineamento alle leggi.
Ma chi quelle leggi non le conosce perchè convinto di vivere nella completa anarchia, cerca a tutti i costi di trovare una falla e di incastrarti, ti perseguita, apre ogni singola porta del passato per trovare quella macchia che possa finalmente far crollare il castello.

E' difficile, lo ammetto, mantenere la calma e la freddezza quando qualcuno s'è messo in testa di distruggerti, di farti fuori.
Non sono il tipo che molla di fronte ai problemi, ma accanimenti del genere non ne avevo mai incontrati e probabilmente sono stata solo fortunata nel riuscire a gestire e risolvere col massimo tatto una questione così delicata e quasi pericolosa.

Ora dovrò rimettere insieme le mie forze, raccogliere i pezzi del muro di cinta del castello e ritornare a vivere senza farmi prendere dal terrore di un nuovo attacco più radicale.

Ma l'invidia è dura a morire e, anzi, dopo una sconfitta diventa ancor più forte.
Ed esser oggetto di invidia può essere davvero estenuante.
Quindi fate il tifo per me e regalatemi un pensiero di incoraggiamento, perchè io ho tutta l'intenzione di andare oltre e dare un bel calcio nel di dietro ai sabotatori della mia perfetta e splendida vita!

Un abbraccio a tutti!

4 commenti:

pincocarla ha detto...

BENTORNAAATA !!! Era ora !!!
La Net languiva senza di te .. ;-P

Anonimo ha detto...

Ciao Giorgia, in realtà ci chiedevamo un po tutti che fine avessi fatto, tanto è vero che stavo per scrivere un post, visto che non rispondevi alle mail. Anche qui nel virtuale ci si affeziona, un affezione certo un po' diversa dalla realtà però esistente e che si avverte.
L'invidia... brutta storia. preferisco essere stronza, bastarda, puttana, odiosa, irrascibile, presuntuosa, permalosa, ma INVIDIOSA mai.
Ho avuto un'amica in particolare che credo sia sempre stata inviosa di me, magari inconsciamente, volgio credere, che una volta mi disse: e parli che fai la bella vita, cene sesso soldi!"
Rimasi quasi scioccata, lei che sapeva tutto di me e delle mie scelte dolorose che ho dovuto affrontare nella vita eppure, era invidiosa della mia vita.
L'invidia è quel sentimento che ti fa credere che quella persona non meriti quello che di bello le stia accadendo. Di solito le persone invidiose sono quelle che si accaniscono proprio su chi ha sofferto di più e si sta godendo un po' di serenità...
Tu non ti curar di loro ma guarda e passa Ok?
un bacio

Il Rompibloglioni ha detto...

Sarò breve, qualcuno tempo fa diceva: L'invidia l'è na brutta bestia!!
Sante parole, ma so che sei una ganza, quindi già un po mi dispiace per chi subirà le tue ire...
Ma veniamo a noi, carina, tre, dico TRE, e ripeto TRE! Settimane senza farti sentire!!!
Ma porca casalinga! (quando si è incazzati suona meglio "porca puttana"... Ma con te, mi sembrava indelicato...) Ripeto, Porca casalinga, qua ci siamo arrovellati il cervello in mille congetture, io cercavo notizie, ma anche Carla non sapeva niente, non sapevamo più dove sbattere la testa!
Ora, al di la che mi dispiace molto che tu sia stata male e sono enormemente felice di poterti "sentire" di nuovo, ti chiedo, per favore, per favore, ma proprio per favore, non lasciarci più così...
Scusami lo sfogo, ma tu Carla e Belladigiorno, siete importanti per me e vi voglio sinceramente bene...
Baci e un abbraccio forte forte.

Sweet G. ha detto...

@Carla: eheheh, piano piano si torna alla normalità...sperem!!

@Bella: non curarsene è difficilissimo, visto che stanno lì come avvoltoi pronti a mangiarsi le mie ossa, devo conviverci, è lavoro, la lotterò sempre duramente, otterrò quel rispetto che merito, a costo di incutere il terrore per tutta l'azienda! ihih

@Rompibloglioni:
ahahah, ho riso dieci minuti filati! Porca Casalinga! ahahah
Non pensavo che qualcuno potesse sentire la mia mancanza qui, del resto nella vita di ogni giorno sono talmente "solitaria" che a volte spengo i cellulari per una settimana e non se ne accorge nessuno! Ma tu pensa che strana la vita!
Ti ringrazio davvero, sei un tesoro! Mi impegno ufficialmente a esser costante e presente! La punizione potrete infliggermela con e-mail piene di offese e insulti! ihihihi

Vi voglio bene, splendori miei!!!!
Un abbraccio forte forte forte!!
Giorgia.